Blog

Materie prime (Neolitico 6.500-3.500 a.C.)

materieprimeneolitico

LA SELCE: la principale materia prima utilizzata dalle comunità preistoriche è la selce, una roccia che presenta notevole durezza e frattura concoide, caratteri che permettono di ottenere manufatti regolari con margini taglienti. Essa è largamente presente in natura e si può trovare, in giacitura primaria, sotto forma di strati continui o liste, oppure di noduli [...]

Continua..

Le principali innovazioni del periodo Neolitico: LA CERAMICA

vaso

Costituisce la prima esperienza di trasformazione della materia prima in un prodotto idoneo a realizzare vari tipi di recipienti usati per la cottura, la conservazione e il consumo di alimenti, che presuppone la conoscenza della possibile modellazione a freddo dell’argilla prima e del suo consolidamento se sottoposta all’azione del fuoco. Nelle varie fasi della preistoria [...]

Continua..

Le principali innovazioni del periodo Neolitico: I RITUALI FUNERARI

funerario

Differenziati nelle varie aree geografiche e nelle diverse fasi cronologiche, risultano frequenti le sepolture all’interno degli insediamenti, più raramente riunite in necropoli. Il quadro delle modalità sepolcrali nella penisola italiana appare piuttosto variabile sia dal punto di vista della struttura tombale, sia da quello delle diverse forme del rituale (singolo, plurimo, giacitura primaria o secondaria [...]

Continua..

Le principali innovazioni del periodo Neolitico: LE ATTIVITA’

attività

Presente ovunque è la ceramica e l’industria litica che comprende strumenti ottenuti con la scheggiatura e la levigatura, quest’ultima impiegata per oggetti di ornamento ed asce e accette usate per il disboscamento e la lavorazione del legno. Scarse sono le tracce di un’attività certamente praticata, consistente nell’intreccio di prodotti vegetali, facilmente deperibili, per ottenere panieri, [...]

Continua..

Le principali innovazioni del periodo Neolitico: LE ABITAZIONI

abitazioni

La maggiore sedentarietà provocata dal nuovo tipo di economia comportò la costruzione di villaggi costituiti da capanne con mattoni di argilla o con travature e graticciati intonacati, provviste di focolari, pozzetti e altre strutture al loro interno… ShareTweet

Continua..