Rubrica Antropologica

L’uomo del SIMILAUN

similaun

Una delle più sensazionali scoperte di età preistorica è indubbiamente quella dell’uomo del Similaun, noto internazionalmente col nome di Otzi, dal nome delle Alpi sul versante austriaco. Si tratta di una mummia rinvenuta nel 1991 nei pressi del rifugio Similaun sulle Alpi Venoste a 3210 m di quota, emergente dall’acqua di fusione del ghiaccio sul [...]

Continua..

L’Età del rame in Italia

rame

Le innovazioni caratterizzanti l’età del rame possono manifestarsi in tempi diversi per cui delimitare in un arco di tempo questo periodo non fornisce una cronologia esatta. Il primo manufatto in rame battuto è datato al X millennio a.C. e proviene dall’odierno Iraq; in Asia, le prime testimonianze della sua lavorazione risalgono al VII millennio a.C., [...]

Continua..

Materie prime (Neolitico 6.500-3.500 a.C.)

materieprimeneolitico

LA SELCE: la principale materia prima utilizzata dalle comunità preistoriche è la selce, una roccia che presenta notevole durezza e frattura concoide, caratteri che permettono di ottenere manufatti regolari con margini taglienti. Essa è largamente presente in natura e si può trovare, in giacitura primaria, sotto forma di strati continui o liste, oppure di noduli [...]

Continua..

Le principali innovazioni del periodo Neolitico: LA CERAMICA

vaso

Costituisce la prima esperienza di trasformazione della materia prima in un prodotto idoneo a realizzare vari tipi di recipienti usati per la cottura, la conservazione e il consumo di alimenti, che presuppone la conoscenza della possibile modellazione a freddo dell’argilla prima e del suo consolidamento se sottoposta all’azione del fuoco. Nelle varie fasi della preistoria [...]

Continua..

Le principali innovazioni del periodo Neolitico: I RITUALI FUNERARI

funerario

Differenziati nelle varie aree geografiche e nelle diverse fasi cronologiche, risultano frequenti le sepolture all’interno degli insediamenti, più raramente riunite in necropoli. Il quadro delle modalità sepolcrali nella penisola italiana appare piuttosto variabile sia dal punto di vista della struttura tombale, sia da quello delle diverse forme del rituale (singolo, plurimo, giacitura primaria o secondaria [...]

Continua..