Blog

Le principali innovazioni del periodo Neolitico: LE MATERIE PRIME E SCAMBI

selce

Ben attestato è lo sfruttamento di miniere di selce in varie regioni europee; al primo Neolitico risale quello della miniera della Defensola in Puglia. Importanti fenomeni di circolazione e scambio sono documentati per diversi tipi di materie prime e oggetti, quali: l’ossidiana, delle asce in pietra verde e di oggetti di ornamento quali i monili [...]

Continua..

Le principali innovazioni del periodo Neolitico: L’ALLEVAMENTO

allevamento

La prima specie domesticata è il cane, già comparso in contesti del Mesolitico e forse anche del Paleolitico superiore. La domesticazione della pecora è avvenuta nell’Asia sud occidentale, discende dalla specie selvatica che vive in Anatolia, Tibet e Mongolia. Segue quella della capra, le cui prime forme allevate nel Vicino Oriente dovevano essere molto simili [...]

Continua..

Le principali innovazioni del periodo Neolitico: L’AGRICOLTURA

agricoltura

Facendo una rapida sintesi delle possibili attività svolte in un villaggio, relativamente all’economia di sussistenza, l’agricoltura praticata nelle zone di foresta richiese subito interventi finalizzati alla modifica dell’habitat, come il disboscamento, spesso realizzato mediante incendi, il debbio. La mietitura veniva effettuata con falcetti costituiti da un manico di legno o di osso in cui erano [...]

Continua..

Il Neolitico 6.500-3.500 a.C.

cittadina

Il termine Neolitico fu coniato, nel 1865, da Sir John Lubbock, per definire la cosiddetta nuova età della pietra, caratterizzata dalle industrie in pietra levigata. L’elemento fondamentale però di tale periodo risultarono subito essere stati i profondi cambiamenti economici, tecnologici, sociali ed ideologici, che portarono alla nascita dei sistemi agricoli e di allevamento. Con il [...]

Continua..

Economia e insediamenti nel Mesolitico (Mesolitico 10.000-6.500 a.C.)

caccia

La caccia ai mammiferi di grande e media taglia rimane l’attività prevalente, con predominanza delle specie di ambienti forestali, quali il cervo, il capriolo e il cinghiale, associate al camoscio e allo stambecco nelle aree montuose, all’uro e all’alce nell’Europa centro-settentrale; in progressivo aumento risulta la caccia ai piccoli mammiferi, come conigli, castori e ai [...]

Continua..