Costruire un’ascia

Materia prima: tra le possibili rocce utilizzabili vi sono le Serpentiniti, Eclogiti, Glucofaniti ecc., in questo caso abbiamo utilizzato del serpentino.

Prima fase: di scheggiatura, con questa operazione si cerca di asportare più materiale possibile, fino ad ottenere la forma desiderata, riducendo notevolmente le altre fasi di lavorazione molto più faticose.

Seconda fase: di lavorazione: la bocciardatura realizzata mediante una percussione diretta dura, operazione questa molto dispendiosa ai fini lavorativi richiede generalmente molte ore di lavoro.

Terza fase: di lavorazione: levigatura su lastra di pietra tipo arenaria, l’operazione viene facilitata dall’utilizzo di acqua e sabbia questa particolarmente ricca di silicio.

Selezione di un ramo di albero utilizzabile per l’immanicatura dell’ascia. Prima ipotesi di immanicatura di un’ascia da parata, cosi chiamata per la sua raffinatezza e lucidatura.

Seconda ipotesi di immanicatura di un ascia da lavoro, le differenze sono vistosissime, notevoli sono le differenze sul lato estetico, la sua realizzazione è molto più veloce e risulta attraverso sperimentazioni di taglio più efficace dell’ascia sopradescritta.

 

 

 

 

 




Dati tecnici relativi all’ascia da parata:
Tempo
Media del materiale asportato
Scheggiatura 1h:30m  
Bocciatura 6h:00m 8 grammi all’ora
Levigatura 5h:00m 3 grammi all’ora